h1

MOBILITAZIONE NAZIONALE PER LA CULTURA

novembre 19, 2010

MOBILITAZIONE NAZIONALE PER LA CULTURA

LUNEDI’ 22 NOVEMBRE i cinema Ariston, City, Corallo, Odeon e Sivori RIMARRANNO CHIUSI.

L’iniziativa mira a denunciare i tagli indiscriminati che quest’ambito sta subendo a seguito dei provvedimenti di contenimento del deficit pubblico adottati con la legge 122/2010 (la c.d. “manovra anticrisi”). Le sale di Circuito Cinema Genova rimarranno chiuse tutto il giorno con l’eccezione della manifestazione programmata  alle ore 18.30 presso il cinema Sivori dove verrà proiettato il film “DI ME COSA NE SAI” del regista Valerio Jalongo, lucida ed amara analisi sulla crisi del Cinema ( ingresso gratuito s ino ad esaurimento posti).

Certi che la sola chiusura delle sale non basterebbe a sensibilizzare il pubblico abbiamo scelto la maniera più vicino alla nostra realtà quello di manifestare attraverso un film documentario che denuncia la tristezza del momento che stiamo vivendo.

Purtroppo è triste constatare come anche nella nostra città l’esercizio cinematografico non sia mai stato annoverato tra le attività degne di attenzione pur costituendo un essenziale servizio socio-culturale.

Da anni chiediamo all’amministrazione pubblica un sostegno al nostro sforzo di tenere aperte le ultime sale del Centro Città che abbiamo salvato dalla chiusura definitiva in totale autonomia senza alcun aiuto, fosse anche uno sgravio su alcune imposte locali quale la tassa sulle affissioni e sulla pubblicità; abbiamo più volte suggerito la liberalizzazione del posteggio in Via XX Settembre dopo le 20 di sera per agevolare la frequentazione del Centro ormai desertifica to nelle ore serali, cosa che aiuterebbe anche gli altri esercizi pubblici; abbiamo chiesto che le sale cinematografiche siano coinvolte nelle manifestazioni culturali organizzate dagli enti pubblici…. Nulla di tutto ciò è stato realizzato ed al contrario sempre più frequentemente vengono organizzate proiezioni “cinematografiche” abusive  in spazi non omologati a tal scopo, che creano danno alle nostre attività.

Speriamo che il nostro appello non cada nel vuoto per l’ennesima volta, cosa che significherebbe spegnere le ultime “luci della Città”….

Sinossi “DI ME COSA NE SAI”

“Di me cosa ne sai” comincia come un’inchiesta su uno dei tanti misteri degli anni Settanta. Ma a differenza di altri misteri italiani senza soluzione, qui non ci sono cadaveri, né stragi. C’è però l’improvviso, rapidissimo declino di un cinema che per trent’anni ha dominato le scene internazionali. Com’è potuto succedere? Chi o che cosa ha uc ciso il grande cinema italiano? Questa domanda ci guida in un percorso ricco di testimonianze preziose e di riflessioni originali: da Mario Monicelli a Wim Wenders, da Dino De Laurentiis ad Andreotti, Ken Loach e molti registi italiani. Ma “Di me cosa ne sai” è soprattutto un racconto in forma di diario, brevi sprazzi dalla vita quotidiana di alcuni registi impegnati in una lotta a volte drammatica a volte comica per difendere il proprio lavoro e i propri film, che spesso è anche una lotta per la sopravvivenza personale. Un viaggio in Italia attraverso sale cinematografiche, esercenti innamorati del proprio mestiere, laboratori digitali di Cinecittà e vecchi proiezionisti girovaghi… un viaggio che è anche un ritratto amoroso del cinema e del nostro paese.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: